Blog: http://nostradamus.ilcannocchiale.it

Convochiamo gli Stati Generali dei Beni Comuni

I Coordinamenti Nazionali per l’acqua e il nucleare dovrebbero scegliere la Val di Susa come sede nazionale per la stesura di un Manifesto dei Beni Comuni e lottare senza tregua per la sua realizzazione, in quanto, finché resteremo divisi, non riusciremo a imporne il rispetto ai privati che pretendono di gestirli.

Accorriamo tutti quindi a fare resistenza contro la TAV, perché questo territorio non sia stravolto dai soliti interessi privati. Non dobbiamo cedere su questo obiettivo, se vogliamo conseguirne altri.

I beni comuni per i quali ci dobbiamo battere sono l’acqua e l’aria incontaminati, i servizi pubblici e le energie rinnovabili, la salute e l’istruzione, il territorio e l’ecosistema, il lavoro, la casa e l’alimentazione, il tempo libero e le relazioni sociali.

Lo strumento per costruire un modello di sviluppo alternativo a quello presente - capace solo di produrre crisi economiche senza fine, immondizia, inquinamento, corruzione, individualismo, egoismo, precarietà, miseria, disperazione e profitto - è la partecipazione democratica, che va comunque riorganizzata per conseguire il massimo profitto.

Mettiamo quindi da parte la partitocrazia e facciamo della Val di Susa il presidio nazionale della democrazia diretta. L’impatto mediatico sugli italiani avrà effetti imprevedibili e la barricata che erigeremo non potrà essere abbattuta dai politici opportunisti.


Pubblicato il 29/6/2011 alle 18.46 nella rubrica società.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web