Blog: http://nostradamus.ilcannocchiale.it

Il massacro sociale è inaccettabile

Tre anni fa i governi europei, per salvare dal fallimento le banche occidentali, hanno imposto ai lavoratori sacrifici ai quali non erano tenuti. Conseguentemente i profitti dei banchieri sono aumentati vertiginosamente, mentre il reddito medio nei Paesi membri della UE è letteralmente crollato.

Ciononostante, nessuno di questi governi ha mosso un dito per aiutarci a uscire dal baratro in cui ci hanno spinto i neo liberisti. Anzi, per incrementare le loro rendite, hanno reso inefficiente lo Stato Sociale, ci hanno tolto i diritti acquisiti dopo decenni di lotte sindacali e, per trasformarci in sudditi dei funzionari di Bruxelles, hanno subdolamente distrutto l’interesse dei cittadini nei confronti della gestione della cosa pubblica.

La società civile ha messo in evidenza l’inganno della democrazia rappresentativa e ha ripudiato l’insipienza, la demagogia e il razzismo dei partiti che formano la maggioranza. Il prossimo passo deve essere l’abbattimento del potere degli avvoltoi che, blaterando sui presunti vantaggi del mercato senza regole, hanno massacrato l’uomo e la natura. Rifiutiamoci, pertanto, di pagare il debito, come hanno fatto gli islandesi e come si accingono a fare i greci e gli spagnoli, perché solo da questa iniziativa coraggiosa può partire la controffensiva democratica dei popoli d’Europa.


Pubblicato il 24/6/2011 alle 16.15 nella rubrica economia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web