Blog: http://nostradamus.ilcannocchiale.it

Obama racconta frottole e gli italiani se le bevono

    

Il Guardian mostra due foto, una di Bin Laden vivo e l’altra di un arabo morto, per convincere l’osservatore che ritraggono la stessa persona. Ma si tratta di un fotomontaggio ed è stato realizzato con tanta imperizia che la manipolazione salta subito all’occhio.

La stragrande maggioranza dei commentatori politici suppone che il cadavere gettato a mare dagli americani non fosse quello di Bin Laden e che se ne siano liberati in tutta fretta, perché nessuno potesse trovarlo e dimostrare che avevano detto il falso. Solo i media italiani, salvo rare eccezioni, hanno accettato a scatola chiusa la versione ufficiale del governo degli Stati Uniti.

Se pensiamo alle ultime guerre scatenate nei Paesi arabi, ci ricordiamo che le storie che ci hanno raccontato sui coraggiosi eroi che avrebbero ammazzato i malvagi nemici dell’America non erano vere, come non lo è quella di cui parliamo, perché è una storia che non ha senso.

Vi ricordate di Jessica Lynch, l’eroina americana che fece fuori da sola dozzine di soldati iracheni, fu ferita e curata in un ospedale in cui, a rischio della propria vita, si introdussero numerosi militari americani per salvarla? Vi ricordate che in seguito si scoprì che erano tutte fantasie?

Tornando a Bin Laden, vi pare possibile che fosse disarmato e senza guardie del corpo? Non vi sembra strano che gli americani si siano liberati dell’unica prova che avevano per dimostrare che quello che raccontano è vero? Vi sembra possibile che abbiano mostrato rispetto per le tradizioni religiose del loro peggior nemico?

Per quanto mi riguarda, mi sembra assurdo rintracciare una persona, ammazzarla, portare il suo cadavere su una nave distante 1.000 chilometri dal luogo del ritrovamento, celebrare i suoi funerali e buttarlo a mare nello spazio di poche ore. E sono convinto che lo sembri anche a voi.

Pubblicato il 4/5/2011 alle 14.52 nella rubrica satira.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web