.
Annunci online

nostradamus
l'informazione vi distruggerà
3 maggio 2011
Abbiamo ucciso lo Yeti


Secondo quanto riportano i nostri media, Osama Bin Laden sarebbe stato rintracciato quasi per caso in una zona interna del Pakistan, mentre prendeva il sole sul terrazzo di un bilocale insieme ai suoi familiari. Sarebbe stato quindi ucciso, portato con un aereo su una nave che stazionava nel Golfo Persico e, dopo una breve cerimonia religiosa, gettato a mare!!!

Con lo stesso sistema chiunque potrebbe eliminare dalla faccia della Terra l’ultimo esemplare dell’abominevole uomo delle nevi. Sarebbe sufficiente recarsi in vacanza sull’Himalaya, mettersi sulle traccia dello yeti, sparargli alle spalle e gettare il cadavere in un precipizio.

Questo evento è l’ultimo atto della commedia inventata dalla fervida fantasia degli americani per fornire una motivazione alle loro azioni spregevoli, spacciate dai sedicenti politici di sinistra per disinteressata esportazione di democrazia. Al suo protagonista sono state addossate le colpe più nefande. Ma poi hanno dovuto ricacciarlo nell’oblio da cui lo avevano fatto emergere, quando il movimento scenico si è fatto eccessivamente lento e ripetitivo.

La verità è che la Cina ha promesso a Karzai che, se avesse cacciato via gli americani, avrebbe ricostruito l’Afghanistan e ne avrebbe fatto un suo alleato insieme con il Pakistan. Obama non aspettava altro, dal momento che gli USA stanno attraversando una crisi economica spaventosa e non hanno più la forza di continuare nella loro guerra infinita.

L’uccisione dell’ectoplasma è stata quindi solo un’azione di copertura, per consentire loro di ritirarsi velocemente dall’Afghanistan senza perdere a faccia.

A questo punto la Storia dell’America è davvero finita. Il prossimo attentato contro gli USA sarà atomico e l’unica soddisfazione che resterà a Obama sarà quella di attribuirne la responsabilità agli arabi che avranno voluto vendicare Osama.


3 gennaio 2010
Il destino dell'umanità è segnato

Apophis and Earth in 2029

Rotta di collisione
Asteroide caduto sullo Yukatan  http://www.youtube.com/watch?v=tUv6A_OIdU8


Il rischio di estinzione per la specie umana è sempre stato alto. Ma abbiamo cominciato a pensarci solo dal momento in cui le conoscenze scientifiche ci hanno portato a interrogarci sul nostro futuro.
Una delle cause di questo terribile evento, di cui la probabilità che possa verificarsi è superiore a una su duemila, è l'impatto con la terra di un asteroide o di una cometa.
I nostri antenati sono stati testimoni numerose volte delle catastrofi provocate dalla deflagrazione di un corpo celeste nell'atmosfera terrestre. Sono famosi, infatti, i crateri che si sono formati in Arizona e nella penisola dello Yukatan. L'impatto più disastroso resta, tuttavia, quello del meteorite che esplose con un boato fragoroso a Tungusta in Siberia nel 1908, bruciando una foresta immensa e lasciando per diversi mesi una nube di fume all'orizzonte.
Oggi si parla di un asteroide, Apophis, che dovrebbe sfrigolare nella nostra atmosfera nel 2036, ma è più probabile che la terra si scontrerà nel 2048 con il VK 184, un corpo celeste scoperto di recente.
E' quasi certo, invece, che ci distruggeremo con le nostre mani, molto tempo prima del 2036, con la guerra nucleare, le faide religiose, il collasso ecologico, le catastrofi ambientali, l'avvelenamento del pianeta, gli scontri interetnici, il terrorismo, il crollo dell'economia mondiale, le pandemie infettive e la sovrappopolazione.
Sembra che l'uomo provi una gioia sadica quando può accoppare i suoi simili. La ragione di questo modo di rapportarsi agli altri a dir poco strano va ravvisata, a mio avviso, nella constatazione che vivere in un mondo dove vige l'unica legge dell'homo homini lupus non ha senso. 

CULTURA
27 dicembre 2009
Un 2010 da brivido

California 3 novembre 2010
http://www.youtube.com/watch?v=B1qdomE6cMI


Anche se gli auguri di buon anno si sprecheranno ancora una volta e la speranza di un futuro migliore continuerà a confortare le persone che conducono una vita grama, i futurologi ci dicono che il prossimo anno sarà uno dei peggiori nella storia dell'umanità.
Ancora una volta l'uomo, impropriamente classificato come "homo sapiens sapiens" e non "homunculus vanesius" non potrà che raccogliere i frutti delle politiche deliranti dei reggitori del mondo. 
Le previsioni più catastrofiche sono quelle che riguardano i conflitti armati che, nello spazio di un anno, ridurranno ampie regioni del pianeta a un immenso pantano senza traccia di vita.
Il tre novembre 2010 alcune Potenze si affronteranno all'inizio con le sole armi chimiche e batteriologiche. Il conflitto finirà entro l'anno, quando una schiera di missili invisibili dall'aspetto satanico e la testata simile a un enorme avvoltoio si abbatteranno sugli Stati Uniti, che si inabisseranno come la mitica Atlantide.
Altri conflitti armati si avranno nell'Asia Centrale,  tra Russia e Ucraina, Europa occidentale e Stati Uniti e Francia e Regno Unito. I primi due saranno i più  pericolosi. 
In quanto ai cataclismi, ce  ne saranno una marea, di cui almeno tre devastanti: uno tsunami nel sud est asiatico, un terremoto senza eguali in California e uno scontro tra navi nel Mar Nero.
Come se questo non bastasse, l'economia europea crollerà, diversi Paesi andranno in default, la siccità renderà i terreni  sempre meno fertili e il capitalismo sarà sostituito da una nuova teoria economica.
Ci sono dunque tutti i presupposti per credere che le previsioni dei Maya, che fissano la fine del mondo al 20 dicembre 2012, sia corretta. 
Sono convinto, tuttavia, che, anche se una parte dell'umanità riuscisse a salvarsi, questa si metterebbe subito all'opera per arrivare al più presto a una nuova catastrofe.
Sono passati 13 milioni di anni dalla sua apparizione sulla terra, eppure l'uomo non ha imparato ancora la lezione della Storia.
E non l'imparerà mai, perché non riuscirà mai a dominare i suoi istinti primordiali.

19 dicembre 2009
Si infittiscono i misteri nel cielo di Mosca

   

 

 

  UFO avvistato a Mosca  http://www.youtube.com/watch?v=Q0X7HH6-SZo

 

Un enorme oggetto volante a forma di piramide, che si muoveva a velocità supersonica, come un aereo ad alta tecnologia, è stato avvistato l'altra sera nel cielo di Mosca dai numerosi passanti che si attardavano nella Piazza Rossa.
I video che testimoniano l'avvenimento sono apparsi su You Tube Russia. I media occidentali li hanno ripresi e mostrati a decine di migliaia di teleutenti, scatenando in tutto il mondo accanite discussioni circa la natura dell'oggetto.
Qualcuno ha creduto di ravvisare in esso qualcosa che gli ricordava i film sulle guerre stellari ed altri hanno pensato che si trattasse di un effetto ottico, ma quasi tutti hanno detto di non avere la minima idea di cosa potesse essere.
Uno studioso di questi fenomeni ha dichiarato che quello che aveva guardato era uno dei più straordinari video sugli UFO che avesse mai visto.
Quando pensiamo alle recenti apparizioni di oggetti anomali, come la nuvola circolare che ha sovrastato i cieli russi e norvegesi per diversi giorni, e ai fulmini vividamente colorati a forma di cerchi, crocielichespirali, che vediamo durante i temporali in diverse località europee da qualche anno a questa parte, torniamo a essere invasi  dalla paura dell'ignoto che ha accompagnato l'uomo fino a qualche secolo fa.
La delirante avidità, della quale finora non siamo stati capaci di liberarci, la deriva incontrollabile dei Paesi evoluti, l'indifferenza verso la cultura, il disprezzo dell'etica, l'egoismo bestiale e il tramonto della concezione escatologica della Storia sono senza dubbio un effetto di questo clima.
Associando queste riflessioni alla profezia dei  Maya, si è presi dai brividi.

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE