.
Annunci online

nostradamus
l'informazione vi distruggerà
3 gennaio 2010
Il destino dell'umanità è segnato

Apophis and Earth in 2029

Rotta di collisione
Asteroide caduto sullo Yukatan  http://www.youtube.com/watch?v=tUv6A_OIdU8


Il rischio di estinzione per la specie umana è sempre stato alto. Ma abbiamo cominciato a pensarci solo dal momento in cui le conoscenze scientifiche ci hanno portato a interrogarci sul nostro futuro.
Una delle cause di questo terribile evento, di cui la probabilità che possa verificarsi è superiore a una su duemila, è l'impatto con la terra di un asteroide o di una cometa.
I nostri antenati sono stati testimoni numerose volte delle catastrofi provocate dalla deflagrazione di un corpo celeste nell'atmosfera terrestre. Sono famosi, infatti, i crateri che si sono formati in Arizona e nella penisola dello Yukatan. L'impatto più disastroso resta, tuttavia, quello del meteorite che esplose con un boato fragoroso a Tungusta in Siberia nel 1908, bruciando una foresta immensa e lasciando per diversi mesi una nube di fume all'orizzonte.
Oggi si parla di un asteroide, Apophis, che dovrebbe sfrigolare nella nostra atmosfera nel 2036, ma è più probabile che la terra si scontrerà nel 2048 con il VK 184, un corpo celeste scoperto di recente.
E' quasi certo, invece, che ci distruggeremo con le nostre mani, molto tempo prima del 2036, con la guerra nucleare, le faide religiose, il collasso ecologico, le catastrofi ambientali, l'avvelenamento del pianeta, gli scontri interetnici, il terrorismo, il crollo dell'economia mondiale, le pandemie infettive e la sovrappopolazione.
Sembra che l'uomo provi una gioia sadica quando può accoppare i suoi simili. La ragione di questo modo di rapportarsi agli altri a dir poco strano va ravvisata, a mio avviso, nella constatazione che vivere in un mondo dove vige l'unica legge dell'homo homini lupus non ha senso. 

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE